coliving

La felicità è reale soltanto quando è condivisa

La felicità è reale soltanto quando è condivisa

Home Story living La felicità è reale soltanto quando è condivisa

Un anno e mezzo fa Home 4 Creativity rappresentava il salto nel buio di un papà, una mamma e una figlia un po’ visionaria che voleva trasformare casa sua in una residenza condivisa creativa. Oggi rappresenta il progetto di tanti che hanno scelto di condividere una mission dagli ampi orizzonti, credendo nei valori e nelle potenzialità di un nuovo modo di intendere il viaggio, il fare ospitalità e il concetto stesso di casa.

Ci siamo conosciuti durante il percorso e, come spesso accade, le affinità elettive hanno tracciato da subito la strada della complicità e dell’amicizia. Francesco, Maria e Gianluca sono i 3 pilastri che insieme a me sorreggono il progetto di coliving che prende il nome di Home 4 Creativity.

Da un esperimento sulla mia casa di famiglia, unendo l’esperienza quotidiana con i suggerimenti, i feedback e le suggestioni di tutti coloro i quali sono passati dalla casa in collina a Montalto Uffugo (CS) che oggi costituisce l’Hub, il laboratorio di tutto il progetto, ci siamo ritrovati ad avere per le mani un metodo peculiare di gestione del coliving.

Un metodo che privilegia le #personeoltrelecAse, che si nutre della creatività a 360 gradi che ciascuno, se ben stimolato, è in grado di scatenare. Un metodo che trasforma la casa in un luogo di incontro e di scambio sociale, culturale e anche lavorativo, generando opportunità di autoimpiego e autodeterminazione per tanti che vi entrano in contatto.

Abbiamo compreso che il viaggiatore è oggi un universo variegato, pieno di curiosità, di voglia di fare, di desideri inesplorati e di storie originali. A questo viaggiatore abbiamo scelto di rivolgerci cercando di trovare un metodo di ospitalità che lo mettesse in condizione di trovarsi realmente a casa sua pur essendo fuori casa. Si viaggia per i motivi più svariati e un coliving deve essere in grado di comprenderli e soddisfarli in ogni periodo dell’anno. Sperimentando approcci diversi, stili diversi di gestione della casa, regolamenti a supporto di una felice e stimolante convivenza tra sconosciuti abbiamo anche verificato che una struttura di coliving, non rispondendo ai criteri del turismo tradizionale, non risponde e non soccombe alle leggi della stagionalità e può lavorare e mantenersi attiva tutto l’anno.

Il coliving trasforma la struttura in prima destinazione di viaggio al di là del contesto in cui si trova e risponde alla domanda più intima del viaggiatore che sa spesso “da che cosa fugge ma non sa che cosa cerca” – per dirla con Lello Arena- e trova in questo tipo di situazione abitativa una risposta che genera un cambiamento di vita in se e negli altri che convivono con lui. Attraverso la condivisione degli spazi della casa, l’utilizzo dell’ambiente di coworking, l’incontro con altri professionisti e creativi e la possibilità di conoscere il territorio attraverso gli occhi e i racconti di chi lo vive, ogni viaggiatore unisce scoperta, divertimento, amicizia e opportunità lavorative in un’unica esperienza, trovando ispirazione, recuperando un ritmo di vita più lento e portando in tasca con sé, alla fine del viaggio, un mutamento.

Così è nata l’idea di trasformare altre case in generatori di cambiamento, puntando sulle peculiarità umane di chi ne è proprietario e che può offrire prima di tutto se stesso al suo ospite. La visione di un coliving diffuso che intrecci case, gestori e ospiti in un circuito fatto di fiducia nel prossimo, capacità autentica di condivisione e creatività.

Per questo Home 4 Creativity si propone con il suo slogan “il coliving che (s)muove l’immobile”. Shakeriamo il pensiero statico, la vita quotidiana e le abitudini di chi gestisce o vive per un periodo in una Home cercando di tirar fuori quel non detto, non fatto, non provato che ognuno si porta dentro e che può costituire lo stimolo per un’esistenza più appagante. Shakeriamo gli immobili, dando un senso nuovo alle case e alle strutture ricettive che si trovano in aree lontane dalle grandi città, dove la natura o la bellezza storico architettonica fanno da scenario all’esperienza di coliving di ciascuno.

Negli ultimi mesi al nostro nucleo si sono aggiunti altri che spontaneamente hanno abbracciato l’idea di costituire un network di creativi che attiva eventi, corsi, laboratori, workshop, escursioni e nuove start up a partire dai coliving Home 4 Creativity. Angela, Emanuela, Fabio, Walter, Mario, Cindy, Gianluca sono il centro di una rete che vuole dare spazio alle seconde vite delle persone, stimolando i viaggiatori alla ricerca e alla messa in gioco delle loro passioni, dei loro interessi e dei loro talenti.

Ogni Home diventa così veicolo di crescita personale, professionale e anche sociale. Ogni Home fa da laboratorio per la convivenza tra stili di vita, culture e approcci diversi. Diventa un workshop sempre attivo sull’educazione civica e sul rispetto dell’Altro. Ogni abitante della casa diventa Home manager, gestore responsabile per se e per gli altri degli spazi comuni e contemporaneamente Self manager, imprenditore di se stesso.

Da quel salto nel buio son venute fuori tante cose in un anno e mezzo e da oggi si comincia una nuova avventura. Io non posso che ringraziare infinitamente Alba  e Roberto che sono stati folli per primi,  Francesco, Maria e Gianluca per aver creduto nella visione di questo progetto, i ragazzi di Evermind tutti, Danilo, Domenico, Biagio, Giuseppe, Marco, Jlenia, Stefania, Nunzia e gli altri per il meraviglioso lavoro creativo che stanno elaborando per Home 4 Creativity,  gli straordinari ragazzi della rete creativa e anche gli amici di 012 factory che hanno contribuito a far di me un’imprenditrice filosofica.

Quando il sogno di uno diventa il sogno di tanti, è allora che si trasforma in realtà. E Into the wild e questa meravigliosa esperienza ci insegnano che è proprio vero: “la felicità è reale soltanto quando è condivisa”.

Se vuoi anche tu entrare a far parte del mondo Home 4 Creativity contattaci 😉

Related Posts